Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: XV sec.

Nacque nel 1424. Con qualche forzatura potremmo immaginare che vide la luce nel castello di Copertino. Il 30 maggio 1445, all'età di 21 anni, sposò Ferrante D'Aragona quando era ancora Duca di Calabria. Alle nozze fu presente Alfonso il Magnanimo e il celebre umanista fiorentino Giannuzzo Manetti che recitò una dotta orazione. Alla morte di Alfonso, subentrò il figlio Ferrante e fu così che Isabella divenne regina di Napoli. Secondo una descrizione di Giovanni Sabatino delli Arienti, Isabella "era formosissima...alta de corpo, cum grata macilentia, colorita bianchezza; li suoi occhi tendevano un poco sul bianco; li capilli furono biondi et lunghissimi...mai fu veduta in donna mani più bianche, né dita più lunghe e ben proporzionate, che a lei. Il suo aspetto era regale in modo che qualunque incognito l'avesse veduta in compagnia di altre donne...solo per la maestà de lo aspetto che era in lei, senza dubbio l'havrebbe indicata regina, fu eloquente. Hebbe dolce sonorità di voce come ben organizzata; fu humanissima et affabile, honestissima in opere et in parole, senza mormoratione de alcuna vanità" Isabella e Ferrante ebbero diversi figli: il re di Napoli Alfonso II e Federico II; Giovanni, fu arcivescovo di Strigonia e poi cardinale; Francesco, fu duca di Montesantangelo; Beatrice che fu, in successione, moglie dei due re di Ungheria: Mattia Corvino e Ladislao II; Eleonora, moglie di Massimiliano Sforza duca di Bari e poi di Ercole D'Este duca di Ferrara. Isabella dimorò molti anni a Lecce. Si spense a Napoli il 30 marzo 1465 e fu sepolta in S. Pietro Martire.

Torna a inizio pagina