Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: XVIII-XIX sec.

Furono una famiglia di capomastri. Angelantonio, Francesco e Ignazio furono figli di Benedetto e Maria Ruberto. Nel '700 i Verdesca realizzarono diverse dimore civili a Copertino e nei centri limitrofi. Angelantonio (1740 circa - 1806) è documentato come "capo mastro muratore" a partire dal 1778. Il 1781 partecipa alla ricostruzione della Matrice di Giuggianello per la quale, richiesto dall'arcivescovo di Otranto, fece il "disegno del prospetto...anche la pianta e lo spaccato della medesima". In qualità di capomastro muratore dal 1796 risulta responsabile della "riattazione della matrice di Taurisano", generalmente attribuita ad altre maestranze. Ignazio Verdesca operò nel 1766 a Nardò dove con Angelo Preite costruì per i Personè la cappella rurale nel fondo denominato "Scrasceta". Il suo testamento risulta essere stato fatto a Nardò nel 1794, poco prima di morire.

Torna a inizio pagina