Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
Periodo: XVI-XVII sec.

Costruttore copertinese vissuto tra il 1571 e il 1655. Nacque da Costantino, "mastro fabricatore"; il 1601 convolò a nozze con Laudomia Bono; morì il 31 gennaio 1655 a 84 anni nella sua casa in Copertino nel "vicinato di S. Francesco"; nell'atto di morte è definito "excellens faber". Nel 1600 firmerà la chiesa del convento dei Cappuccini di Scorrano e, sempre per quest'ordine dovette realizzare altri edifici sacri a Galatone e a Galatina. Nel 1625 eseguì la valutazione della chiesa del Crocifisso di Galatone, compiuta da qualche anno, che crollerà nel 1683. Nel 1635 crollò la volta della chiesa dei Domenicani di Copertino che il Profilo aveva in precedenza costruito con Pietro Gattino e Gesualdo Criscente, altri due "mastri". In questo caso sarà lo stesso Profilo che ricostruirà la volta a sue spese. Una fonte ottocentesca gli attribuisce la chiesa a croce greca di S. Maria Mater Domini di Mesagne. Nel 1650 fu chiamato a Galatone dal marchese Pinelli per fare la pianta di un monastero di Clarisse con la relativa chiesa, complesso iniziato lo stesso anno e in buona parte completato nel 1653. Evangelio Profilo fu testimone oculare di un'estasi di S. Giuseppe mentre era presso il convento della Grottella. Da una testimonianza del 1664 dell'arciprete Francesco Maria Bono, infatti, risulta che mentre il Santo parlava con il Profilo intorno alla "luce" dello Spirito Santo spiccò un volo di circa "quattro passi e stette estatico quasi un quarto d'ora".

Torna a inizio pagina