Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Chiesa Matrice

Categoria Chiese, conventi e santuari

Per visualizzare l'animazione occorre installare Java 2 Platform, Standard Edition, scaricabile da questo sito

La Collegiata è una tra le chiese della Diocesi di Nardò più ricche di storia. Essa rappresenta lo scrigno della storia religiosa e civile di Copertino.

La costruzione fu iniziata da Goffredo il Normanno nel 1088 e terminata nel 1235 da Manfredi di Svevia il quale la dotò di numerosi privilegi elevandola a Basilica con il titolo di Vergine delle Nevi.Dedicazione che sostituì quella originale dell’Assunta. Nel ‘400, Tristano Chiaromonte, confermò gli antichi privilegi svevi e la dotò di alcune prerogative che consentirono al Capitolo collegiale di contrapporsi al potere episcopale della Diocesi di Nardò dalla quale dipendeva.

La struttura che oggi si vede è la sintesi di diversi rifacimenti avenuti nel corso dei secoli. Tra i più importanti risulta il pentagonale vano absidale realizzato nel 1576 dal clan del mastro neritino Francesco Maria Tarantino. Di notevole eccezionalità linguistica tutta neretina è la cinquecentesca torre campanaria addossata al presbiterio e terminata nel 1597 dallo stesso Tarantino. La redazione cinquecentesca della chiesa fu affidata l’8 febbraio 1569 al clan di marco Antonio Renzo di Lecce.

A partire dal 1707, per volontà del vescovo Antonio Sanfelice, le pareti interne della chiesa subirono il fascino tardivo del barocco leccese. Al posto degli altari cinquecenteschi ne furono costruiti altri le cui decorazioni venivano attinte dai diffusi indirizzi barocchi. Ciò causò l’occlusione delle colonne romaniche interamente affrescate e i relativi capitelli i quali furono inglobati in poderosi pilastri. La volta a capriate scomparve, occlusa da un tetto decorato a stucco; il tutto ad opera di valenti stuccatori provenienti dall’area barese.

Sul finire del XVIII secolo, per volontà testamentaria di Vito Nicola Saggese, verranno realizzati ad intaglio gli attuali stalli del coro firmati da Raffaele Monteanni.

La chiesa Matrice vanta un archivio storico plurisecolare ed è particolarmente dotata di opere d’arte.Vi si possono ammirare la cinquecentesca "Deposizione" dello Strafella ed altre tele dello stesso artista. Una grande tela raffigurante la "Regina Martirum"di fra Angelo da Copertino, un bellissimo altare barocco del ‘600 realizzato da Antonio Donato Chiarello che contiene il pregevole affresco quattrocentesco raffigurante la Vergine delle Nevi. Numerosi dipinti del ‘700 tra cui quello del Guasais, del Lillo e di altri artisti di scuola napoletana.

  • Info e recapiti

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina