Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

IL "PIANISTA SOTTO LE BOMBE" IN CONCERTO A COPERTINO

Sabato 18 Febbraio a Copertino (Lecce), presso l'ex Convento delle Clarisse, alle ore 20.00, esibizione di Aeham Ahmad, giovane pianista siriano, divenuto celebre come il simbolo di una musica capace di combattere l'orrore della guerra. Ingresso libero.

Dettagli della notizia

Il “pianista sotto le bombe” in concerto a Copertino
Si tratta di Aeham Ahmad, il giovane pianista siriano divenuto celebre come il simbolo di una musica capace di combattere l’orrore della guerra.

Aeham Ahmad, il pianista siriano che ha commosso il mondo suonando il suo pianoforte in mezzo al desolante scenario delle macerie e delle case sventrate dalla guerra, si esibirà per la prima volta nel Salento il prossimo 18 febbraio a Copertino, presso l’ex convento delle Clarisse a partire dalle ore 20.00.
Il “Concerto per un Mediterraneo di Pace”, che si iscrive nella rassegna culturale itinerante Fineterra – Salento Negroamaro, è stato organizzato dall’Associazione Salento Crocevia G. Giannotti, che opera dal 2009 per favorire l’incontro e la valorizzazione delle culture.
Il giovane artista, da un anno e mezzo rifugiato in Germania insieme alla sua famiglia, è diventato celebre quando a Yarmouk, un campo profughi palestinese a sud di Damasco, ha deciso di rispondere al fragore delle bombe e al silenzio del terrore e della disperazione con il suono della sua musica, per lanciare un messaggio di speranza e di conforto.
Il “pianista di Yarmouk”, come è stato ribattezzato in seguito alle sue performance, ha ritirato a Bonn il Premio Beethoven per l’impegno a favore di “diritti umani, pace, integrazione e lotta alla fame” e ha cominciato a tenere concerti in giro per l’Europa, con l’intento di sensibilizzare il pubblico sulla drammatica condizione dei suoi fratelli siriani e sull’assurdità della guerra.
Nel 2016 ha anche pubblicato il suo primo album (Music for hope), che sarà parte integrante del tour italiano cominciato a Locorotondo il 6 gennaio.

Documenti allegati

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Hai trovato utile, completa e corretta l'informazione?
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
Torna a inizio pagina