Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

"GINO PISANO' - L'UOMO CHE GUARDAVA IL MARE"

Sabato 8 Aprile 2017, alle ore 19.30, presso la Sala Civica di Via Verdi, rappresentazione teatrale scritta e diretta da Francesco Piccolo "Gino Pisano' - L'uomo che guardava il mare".

Dettagli della notizia

ll Salento è terra di dimenticanza e di oblio. Noi, de “La Busacca”, non vogliamo che sia così per la figura e l’opera del Professor Gino Pisanò. Abbiamo approfondito i suoi innumerevoli testi in un anno di lavoro e di lettura intensissimo. Da questo lavoro di analisi e di amore per la nostra terra ne è venuto fuori un testo teatrale intitolato “Gino Pisanò, l’uomo che guardava il mare”. Il lavoro teatrale mira fedelmente a ridare parola a chi per tutta la sua vita ha dato voce alle nostre parole. Al nostro essenziale alfabeto salentino, che è dimora vitale, dimora arcaica, che è mito e magia, tarantismo e barocco. Gino Pisanò è stato un acutissimo antesignano di un nuovo umanesimo che attinge all’anima greca e latina, al mediterraneo, alla cultura europea che va dal futurismo all’ermetismo, dal memorialismo meridionale alla saggistica nord-europea. Particolare rilievo in questo mosaico di scrittura e riviviscenza è stato posto sulla cifra poetica di Gino Pisanò, che è un frammento d’arabesco puro e inesplorato. Gallipoli, Leuca, Otranto, il mare, le torri costiere diventano i protagonisti del verso poetico. Così come parallelamente e in modo approfondito si è indagato l’universo critico letterario di Gino Pisanò che è stato sempre un punto fermo di sintesi, di dialogo e di confronto fra le tesi di Oreste Macrì, Mario Marti, Donato Valli e Carlo Bo. La disamina minuziosa e appassionante del lungo cammino filologico di cui è intriso il suo enorme testamento di scrittura c’ha accompagnato nella riscoperta di Comi e della sua Accademia Salentina; di Bodini, Pagano, Verri. Non si è ovviamente tralasciato l’amore di Gino Pisanò per l’insegnamento dei Classici e il suo amore quasi viscerale per i giovani di cui è stato esempio fulgido di rigore ma anche di paziente e puntuale ricerca e dovizioso studio. Il testo non trascura di mettere in luce la profonda e inquieta umanità di Gino Pisanò. Il suo tormento, il suo disagio, la sua solitudine che è la stessa inevitabile solitudine di tutti i grandi salentini. "Gino Pisanò: l'uomo che guardava il mare"non è solo il ritratto di un uomo, ma il ritratto di un intero popolo, di un’intera terra, la nostra: il nostro Salento.

Torna a inizio pagina